La storia

Hotel Venezia Canal GrandeNella biblioteca di Palazzo Foscarini Giovanelli furono conservati per decine di anni i quasi mille volumi raccolti da Marco Foscarini. Oggi, oltre 500 di quei storici manoscritti sono visibili alla prestigiosa Biblioteca Imperiale di Vienna.
I libri furono il giusto pegno per il mancato pagamento allo stato austriaco delle imposte arretrate da parte della ormai declinante casata dei Foscarini.


Prenota subito!


Storico edificio del ‘500 affrescato con le figure mitologiche di Zelotti, Palazzo Foscarini Giovanelli ospita oggi uno dei più eleganti alberghi 4 stelle di Venezia, forte di uno charme e di una storia che annovera inquilini come la famiglia Mozart e il Re di Danimarca, Federico Cristiano IV.


Al palazzo vissero, durante il XVIII secolo, la famiglia Foscarini e il suo rappresentante più illustre, il futuro Doge Marco Foscarini, al quale si deve la raccolta di numerosi e rari manoscritti, tutti rilegati in cuoio rosso con impresso lo stemma della famiglia Foscarini.


Hotel Palazzo Giovanelli


Hotel Palazzo Giovanelli

L'illustre inquilino

  • Uomo colto con una grande passione per la letteratura, intimo amico del poeta Gaspare Gozzi, Marco Foscarini fu il 117° Doge della Repubblica di Venezia. Detto ‘Il Gran Cagnesco’ per il suo fare serioso, rimase in carica un solo anno e venne ricordato per le straordinarie capacità oratorie, accreditandosi come uno degli uomini più brillanti ed ingegnosi della storia della Serenissima.

Il palazzo

  • La costruzione della splendida dimora signorile che ospita oggi l’Hotel Palazzo Giovanelli si deve alla famiglia dei Coccina. Venduto nel 1581 alla famiglia fiorentina di Luca Antonio Giunta, la dimora venne ereditata dai Foscarini in seguito al matrimonio di due fratelli con le discendenti dei Giunta. Nel 1755 fu affittata alla famiglia Giovanelli.